Aspettando il 25 Aprile.

di Osservatorio Democratico sulle nuove destre

QUANDO GIOVANNI PESCE E GIUSEPPE BRAVIN GIUSTIZIARONO A TORINO, IL 31 MARZO 1944, ATHER CAPELLI «IL SANGUINIARIO ISPIRATORE DELLE RAPPRESAGLIE».

​Sabato 31  marzo scorso a cura della Legio Subalpina (una scheggia neofascista nell’orbita di Lealtà azione) e di Memento, è stato in anteprima presentato a Torino un libro apologetico su Ather Capelli, edito dalla Ritter, seguito da un omaggio collettivo  alla tomba al cimitero di Moncalieri.
Per chi non lo sapesse Ather Capelli fu uno squadrista partecipe alla Marcia su Roma, partito volontario sul finire del 1935 per la guerra d’Etiopia dove fu anche ferito a una gamba.

Riguardo alla sua avventura in terra d’Africa ebbe modo di scrivere:  «dove c’è tanto sole e il ghibli rosso e lo scoppio delle granate è la più bella musica. Tutto il resto, fra carte e cosette miseramente sporche di pigmei, fa venire il vomito»Un vero razzista.
Collabora successivamente con il «Il Labello» (giornale degli universitari fascisti di Torino) e Il  «Popolo delle Alpi» (giornale della Federazione dei Fasci di Torino), venendo al contempo nominato prima Segretario del Fascio di Pinerolo e poi Ispettore federale della X Zona (Pinerolo, Costagranda, Abbadia, Pentenasca, Riva, S. Pietro Val Lemina, Frossasco).

Fu tra i primi ad accorrere tra le fila della Repubblica Sociale, diventando il 20 settembre 1943 direttore della  «Gazzetta del Popolo».
Finalmente il 31 marzo 1944, a Torino, fu giustiziato dai gappisti Giovanni Pesce e Giuseppe Bravin.

Per rappresaglia, il 2 aprile in via Morghen a Torino, vennero fucilati cinque patrioti: Domenico Binelli, Angelo Caligaris, Domenico Cane, Ferdinando Conti, Giuseppe Igonetti. In suo onore gli fu anche intitolata a Torino la I Brigata Nera.
Giovanni Pesce nel suo “Soldati senza uniforme” definì Ather Capelli «pennivendolo traditore» che incitava «all’odio  alla ferocia» e in “Senza tregua” «il sanguinario ispiratore delle rappresaglie».
Riportiamo le cinque pagine di Senza Tregua in cui si ricostruisce l’azione del 31 marzo. Ben fatto Giovanni!

9 Aprile 2018

Osservatorio democratico sulle nuove destre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...